[Oa-italia] German National Bibliography as LOD under CC0

Maria Cassella maria.cassella a unito.it
Lun 30 Gen 2012 15:28:42 CET


Il 30/01/2012 14.36, Franco Bungaro ha scritto:
> Buongiorno a tutti.
>
> Se stiamo parlando di record bibliografici, come credo, viene da 
> chiedersi in che cosa si concreta una licenza CC 0. I record 
> bibliografici sono di norma accessibili e riutilizzabili. Una diversa 
> posizione sull'esportazione dei record bibliografici mi pare di 
> ricordare che la esprimesse, agli albori degli accessi ai cataloghi in 
> era pre-web, la British Library, ma per questo, dovessi chiedere lumi, 
> mi rivolgerei ad Antonio Scolari.


il fatto che i dati delle biblioteche siano accessibili in rete non vuol 
dire automaticamente che siano anche riutilizzabili. Infatti non lo sono.
In molti casi comunque e' l'assenza di una dichiarazione esplicita da 
parte di chi li produce a rendere impossibile il loro riutilizzo.

Quindi, e cito dai Principi per i dati bibliografici aperti 
http://openbiblio.net/principles/it/ , : "Quando si pubblicano dati 
bibliografici e collezioni di dati bibliografici Ŕ cruciale che siano 
pubblicati con una chiara ed esplicita dichiarazione sulla volontÓ e le 
aspettative dell’editore riguardo al riuso e alla riproposizione di 
descrizioni bibliografiche individuali, di intere collezioni o di loro 
sottoinsiemi. Tali asserzioni devono essere precise, irrevocabili e 
basate su un’asserzione appropriata e legalmente riconosciuta, espressa 
in forma di deroga o di licenza."

La licenza CC0 e' quella relativa al pubblio dominio e riguarda il 
riutilizzo dei dati da parte di terzi.
le licenze sottoscritte con il fornitore per servizi di vario tipo sono 
un altro aspetto, un contratto tra due parti. Se prevedono lo sviluppo 
di un servizio commerciale che ad esempio valorizzi i dati bibliografici 
non sono a mio avviso incompatibili con CC0 almeno non legalmente anche 
se poi dipende dal tipo di servizio e dal costo.
> saluti
Maria Cassella
>
>
>
>
>
>
>
>




Maggiori informazioni sulla lista OA-Italia