[Oa-italia] Inoltra: Portale per la valutazione delle risorse scientifiche

Mauro Guerrini mauro.guerrini a unifi.it
Mar 10 Apr 2012 11:19:52 CEST


Leggo solo adesso.

Ciao,
mauro





Il 09/04/2012 18:18, Vitiello a ndc.nato.int ha scritto:
>
> Cari Mauro e Andrea,
>
> Comprendo il vostro punto di vista sul libero accesso delle risorse destinate a valutazione. Vorrei
> per˛ allargare il concetto alla definizione di un modello di risorse destinate alla valutazione che sia
> gestito autonomamente dalle biblioteche. E ci˛ nella prospettiva che in un prossimo futuro i modelli
> di prestito dei libri elettronici saranno gestiti direttamente dai fornitori digitali. Quale sarÓ allora il
> destino delle biblioteche?
>
> A mio avviso la valutazione della ricerca pu˛ e deve essere gestita dalle biblioteche, in particolare in
> Italia dove vi Ŕ un vuoto economico, ancor prima che normativo, e tanti attori editori aspiranti
> aggregatori potrebbero ambire a riempirlo.
>
> L'idea Ŕ di far gestire a un'agenzia di cooperazione bibliotecaria il sistema di creazione (quando
> possibile) e di gestione della valutazione delle risorse per la ricerca. Un tale portale dovrebbe potere
> integrare qualunque tipo di risorsa, anche a pagamento, fermo restando che l'accesso libero
> dovrebbe essere garantito ai valutatori. La gestione di un portale simile da parte delle biblioteche
> metterebbe il mondo della ricerca in grado di comparare i vantaggi del libero accesso in termini di
> potenziale citazionale e di recupero, dando vita a una dinamica virtuosa in cui il numero delle risorse
> in libero accesso pu˛ esse destinato solo ad incrementare. La separatezza tra risorse in libero
> accesso e a pagamento pu˛ solo produrre stagnazione: ce lo spiegano gli amici olandesi.
>
> Per questo cercherei di occuparmi delle condizioni in cui pu˛ avanzare l'innovazione in Italia,
> quando gestita dalle biblioteche, e del modello economico che possa assicurare ad esse Un
> vantaggio competitivo definitivo, prima che ci pensino i privati con le loro regole e alle loro
> condizioni.
>
> Proseguire la discussione pu˛ solo far bene. Un caro saluto,
>
> Giuseppe Vitiello
>
> Inviato da iPad
>
> Inizio messaggio inoltrato:
>
>> Da: Giuseppe Vitiello<vitiello a fastwebnet.it>
>> Data: 09 aprile 2012 08:24:07 GMT-05:00
>> A: "vitiello a fastwebnet.it"<vitiello a fastwebnet.it>, "g.vitiello a ndc.nato.int"
> <g.vitiello a ndc.nato.int>
>> Oggetto: Anvur e riviste di biblioteconomia
>>
>>
>> La scelta di Inserire alcune, e non delle pi¨ storiche, riviste di biblioteconomia nella fascia B
> contribuirÓ sicuramente ad allargare il divario oggi esistente tra professione e accademia. D'altra
> parte, trovo questa scelta perfettamente coerente con le impostazioni iniziali con cui la
> biblioteconomia ha maturato il suo ingresso nelle universitÓ, patrocinata dalle scienze storiche e
> inchiodata nell'area disciplinare MSTO, con cui la si identifica correntemente.
>> Del resto, se si guarda ai curriculum disciplinari delle scuole di Roma e Firenze, che credo siano
> quelle maggiormente frequentate d'Italia, si nota una gran prevalenza di discipline storiche, letterarie
> e bibliografiche, unite a insegnamenti "tecnici". PerchÚ scandalizzarsi se la storia, che ricordiamo ha
> venti anni fa conferito il diritto di cittadinanza alle discipline biblioteconomiche all'interno
> dell'universitÓ, esiga il suo scotto relegando in seconda fascia riviste che parlano di problemi
> contemporanei secondo la prospettiva sociologica, economica o informatica?
>> Ritengo che, come scienza applicata, la biblioteconomia avrebbe trovato maggiore credibilitÓ se i
> suoi docenti avessero cercato un proprio spazio confrontandosi con le scienze della comunicazione
> (ma le biblioteche non rappresentano forse il circuito non commerciale del libro?), con le scienze
> economiche (quello che manca in Italia non sono forse le agenzie bibliotecarie di cooperazione
> come alternativa valida al mondo editoriale, in open access o no?), o con le scienze
> dell'informazione (ma i cataloghi bibliotecari non sono forse uno dei primi esempi di applicazione
> informatica al documento?).
>> Se i docenti avessero potuto costruire una filosofia di sviluppo di questo tipo, che Ŕ peraltro la
> regola nelle scuole europee e anglosassoni, i laureati avrebbero forse potuto trovare lavoro in
> agenzie editoriali e informatiche, e non essere condannati alla disoccupazione o a un precariato di
> lunga durata.
>> Nella mia biblioteca avrei bisogno di persone che sappiano elaborare studi di fattibilitcosa ostruire
> modelli di sviluppo delle risorse in open access economicamente sostenibili o tabelle di metadati
> recuperabili nei sistemi.
>>
>> Inviato da iPad
> ----- Fine messaggio inoltrato -----
>
>
> Cari Mauro e Andrea,
>
> Comprendo il vostro punto di vista sul libero accesso delle risorse 
> destinate a valutazione. Vorrei per├▓ allargare il concetto alla 
> definizione di un modello di risorse destinate alla valutazione che 
> sia gestito autonomamente dalle biblioteche. E ci├▓ nella prospettiva 
> che in un prossimo futuro i modelli di prestito dei libri elettronici 
> saranno gestiti direttamente dai fornitori digitali. Quale sar├  
> allora il destino delle biblioteche?
>
> A mio avviso la valutazione della ricerca pu├▓ e deve essere gestita 
> dalle biblioteche, in particolare in Italia dove vi ├Ę un vuoto 
> economico, ancor prima che normativo, e tanti attori editori aspiranti 
> aggregatori potrebbero ambire a riempirlo.
>
> L'idea ├Ę di far gestire a un'agenzia di cooperazione bibliotecaria il 
> sistema di creazione (quando possibile) e di gestione della 
> valutazione delle risorse per la ricerca. Un tale portale dovrebbe 
> potere integrare qualunque tipo di risorsa, anche a pagamento, fermo 
> restando che l'accesso libero dovrebbe essere garantito ai valutatori. 
> La gestione di un portale simile da parte delle biblioteche metterebbe 
> il mondo della ricerca in grado di comparare i vantaggi del libero 
> accesso in termini di potenziale citazionale e di recupero, dando vita 
> a una dinamica virtuosa in cui il numero delle risorse in libero 
> accesso pu├▓ esse destinato solo ad incrementare. La separatezza tra 
> risorse in libero accesso e a pagamento pu├▓ solo produrre 
> stagnazione: ce lo spiegano gli amici olandesi.
>
> Per questo, ancor prima di addentrarci  in discussioni problematiche 
> avulse dai contesti economici, cercherei di occuparmi delle condizioni 
> in cui pu├▓ avanzare l'innovazione in Italia, quando gestita dalle 
> biblioteche, e del modello economico che possa assicurare ad esse Un 
> vantaggio competitivo definitivo, prima che ci pensino i privati con 
> le loro regole e alle loro condizioni.
>
> Proseguire la discussione pu├▓ solo far bene. Un caro saluto,
>
> Giuseppe Vitiello
>
> Inviato da iPad
>
> Inizio messaggio inoltrato:
>
>> *Da:* Giuseppe Vitiello <vitiello a fastwebnet.it 
>> <mailto:vitiello a fastwebnet.it>>
>> *Data:* 09 aprile 2012 08:24:07 GMT-05:00
>> *A:* "vitiello a fastwebnet.it <mailto:vitiello a fastwebnet.it>" 
>> <vitiello a fastwebnet.it <mailto:vitiello a fastwebnet.it>>, 
>> "g.vitiello a ndc.nato.int <mailto:g.vitiello a ndc.nato.int>" 
>> <g.vitiello a ndc.nato.int <mailto:g.vitiello a ndc.nato.int>>
>> *Oggetto:* *Anvur e riviste di biblioteconomia*
>>
>>
>> La scelta di Inserire alcune, e non delle pi├╣ storiche, riviste di 
>> biblioteconomia nella fascia B contribuir├  sicuramente ad allargare 
>> il divario oggi esistente tra professione e accademia. D'altra parte, 
>> trovo questa scelta perfettamente coerente con le impostazioni 
>> iniziali con cui la biblioteconomia ha maturato il suo ingresso nelle 
>> universit├ , patrocinata dalle scienze storiche e inchiodata 
>> nell'area disciplinare MSTO, con cui la si identifica correntemente.
>> Del resto, se si guarda ai curriculum disciplinari delle scuole di 
>> Roma e Firenze, che credo siano quelle maggiormente frequentate 
>> d'Italia, si nota una gran prevalenza di discipline storiche, 
>> letterarie e bibliografiche, unite a insegnamenti "tecnici". Perch├ę 
>> scandalizzarsi se la storia, che ricordiamo ha venti anni fa 
>> conferito il diritto di cittadinanza alle discipline 
>> biblioteconomiche all'interno dell'universit├ , esiga il suo scotto 
>> relegando in seconda fascia riviste che parlano di problemi 
>> contemporanei secondo la prospettiva sociologica, economica o 
>> informatica?
>>
>> Ritengo che, come scienza applicata, la biblioteconomia avrebbe 
>> trovato maggiore credibilit├  se i suoi docenti avessero cercato un 
>> proprio spazio confrontandosi con le scienze della comunicazione (ma 
>> le biblioteche non rappresentano forse il circuito non commerciale 
>> del libro?), con le scienze economiche (quello che manca in Italia 
>> non sono forse le agenzie bibliotecarie di cooperazione come 
>> alternativa valida al mondo editoriale, in open access o no?), o con 
>> le scienze dell'informazione (ma i cataloghi bibliotecari non sono 
>> forse uno dei primi esempi di applicazione informatica al documento?).
>>
>> Se i docenti avessero potuto costruire una filosofia di sviluppo di 
>> questo tipo, che ├Ę peraltro la regola nelle scuole europee e 
>> anglosassoni, i laureati avrebbero forse potuto trovare lavoro in 
>> agenzie editoriali e informatiche, e non essere condannati alla 
>> disoccupazione o a un precariato di lunga durata.
>>
>> Nella mia biblioteca avrei bisogno di persone che sappiano elaborare 
>> studi di fattibilitcosa ostruire modelli di sviluppo delle risorse in 
>> open access economicamente sostenibili o tabelle di metadati 
>> recuperabili nei sistemi.
>>
>>
>> Inviato da iPad
>
>
> _______________________________________________
> OA-Italia mailing list
> OA-Italia a openarchives.it
> http://openarchives.it/mailman/listinfo/oa-italia
> PLEIADI: http://www.openarchives.it/pleiadi/

-- 
Prof. Mauro Guerrini
UniversitÓ di Firenze
Dipartimento Scienze dell'antichitÓ, Medioevo e Rinascimento e Linguistica
Piazza Brunelleschi 4
50121 Firenze - Italia

mauro.guerrini a unifi.it
guerrini.mauro a gmail.com

http://www.meri.unifi.it/CMpro-v-p-111.html

JLIS.it : Italian Journal of Library and Information Science = rivista italiana di biblioteconomia, archivistica e scienza dell'informazione: www.jlis.it


Clausola di Riservatezza

Questo messaggio e i suoi allegati sono confidenziali e sono rivolti esclusivamente alle persone elencate in indirizzo. Non Ŕ autorizzata la diffusione, copia, stampa o uso da parte di altri. Se avete ricevuto questo messaggio per errore siete pregati di eliminarlo insieme ai suoi allegati e di darne comunicazione al mittente (D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196). Grazie.

This e-mail and any attachments is confidential and may contain privileged information intended for the addressee(s) only. Dissemination, copying, printing or use by anybody else is unauthorised. If you are not the intended recipient, please delete this message and any attachments and advise the sender by return e-mail. Thanks.

Rispetta l'ambiente. Non stampare questa mail se non Ŕ necessario.
Avant d'imprimer, pensez Ó l'environnement.
Consider the environment before printing this mail.

-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML Ŕ stato rimosso...
URL: <http://liste.cineca.it/pipermail/oa-italia/attachments/20120410/33ee91ee/attachment.html>


Maggiori informazioni sulla lista OA-Italia