[Oa-italia] Chi sono davvero i pirati nella comunicazione scientifica?

Elena Giglia elena.giglia a unito.it
Lun 17 Set 2018 09:17:10 CEST


Buongiorno
interessantissime le lettere che il Guardian sta pubblicando
https://www.theguardian.com/science/2018/sep/14/who-are-the-real-pirates-in-academic-publishing
?

a seguito dell'articolo di Georges Monbiot su PlanS e comunicazione
scientifica  (e l'uso di Sci-Hub)
https://www.theguardian.com/commentisfree/2018/sep/13/scientific-publishing-rip-off-taxpayers-fund-research

che concludeva:
In the meantime, as a matter of principle, do not pay a penny to read an
academic article. The ethical choice is to read the stolen material
published by Sci-Hub.

Inutile ricordare che sarebbe nostro compito spiegare ai docenti/autori
che, in attesa che il sistema cambi, possono intanto rendere libero (senza
pagare un penny) il loro lavoro negli archivi istituzionali e, di
conseguenza, su unpaywall.org

E che - mi e' capitato recentemente un caso pietoso qui in UniTO - questo
NON inficia assolutamente pratiche quali VQR, ASN ecc... anzi...

Buona giornata
eg


-- 
dr. Elena Giglia
UnitÓ di progetto Open Access
Direzione Ricerca e Terza Missione
Universita' degli Studi di Torino
tel. +39.011.670*.4191*
Skype: egiglia
www.oa.unito.it

*NOAD OpenAIRE Italy*
https://www.openaire.eu/
noad-it a openaire.eu
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML Ŕ stato rimosso...
URL: <http://liste.cineca.it/pipermail/oa-italia/attachments/20180917/d4f14e17/attachment-0001.html>


Maggiori informazioni sulla lista OA-Italia