[Oa-italia] 2 dicembre 2010: OpenAIRE launch event

Ilaria Fava i.fava a caspur.it
Ven 3 Dic 2010 17:41:17 CET


Cari colleghi,

ieri 2 dicembre 2010 si Ŕ tenuto a Gent il lancio del progetto OpenAIRE 
a un anno di distanza dal suo avvio.
I partecipanti erano circa un centinaio, tra ricercatori, delegati della 
Commissione Europea, rappresentanti istituzionali dei vari paesi membri.
Per l'Italia le cariche istituzionali presenti sono state Roberto Delle 
Donne, coordinatore del gruppo di lavoro sull'Open Access della CRUI, e 
Stefano Bianco, responsabile dei progetti Open Access dell'INFN.
L'evento di lancio del progetto si Ŕ svolto nella biblioteca 
dell'UniversitÓ di Gent: il rettore dell'ateneo, Paul Van Cauwenberge, 
ha sottolineato l'impegno dell'ateneo fiammingo per l'Open Access, 
ricordando che da dicembre 2009, in concomitanza con l'avvio di 
OpenAIRE, Ŕ attivo un mandato di deposito immediato nell'archivio 
istituzionale per ricercatori e docenti.

Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione Europea e commissaria 
responsabile per l’Agenda Digitale Europea, ha dichiarato: “Il lancio di 
OpenAIRE segna un concreto passo in avanti verso la condivisione dei 
risultati della ricerca finanziata dall’UE per il nostro comune 
vantaggio. L’informazione scientifica ha il potere di migliorare la 
nostra esistenza ed Ŕ troppo importante per essere tenuta sotto chiave. 
Inoltre, ogni cittadino dell’UE ha diritto di accedere e trarre 
vantaggio dalla conoscenza prodotta utilizzando fondi pubblici.”
I rappresentanti dei maggiori enti di ricerca di Portogallo, Ungheria e 
Paesi Bassi, hanno ribadito la centralitÓ dell'Open Access per lo 
sviluppo della ricerca, e l'importanza di OpenAIRE nel rendere la 
conoscenza visibile e facilmente accessibile.

Ogni anno in tutto il mondo vengono pubblicati circa 2,5 milioni di 
articoli scientifici in 25000 riviste e atti di conferenze oggetto di 
“peer review”. Attualmente, circa il 15%‑20% di questi articoli sono 
accessibili in archivi o riviste open access. Gli altri sono disponibili 
unicamente a pagamento attraverso la sottoscrizione di abbonamenti. 
L’infrastruttura OpenAIRE finanziata dall’UE e lanciata ieri presso 
l’Università di Gent in Belgio, permetterà l’accesso a tutti i documenti 
e dati scientifici prodotti da ricercatori finanziati dal Settimo 
programma quadro dell’UE per la ricerca (7°PQ), inclusi i ricercatori 
che ottengono sovvenzioni attraverso il Consiglio europeo della ricerca 
(CER).
Dall’inizio del 7°PQ nel 2007, sono stati finanziati circa 10000 progetti.

Daremo al pi¨ presto comunicazione della pubblicazione delle 
presentazioni della giornata.

********************************************************

OpenAIRE nasce da un’iniziativa pilota della Commissione Europea 
sull’Open Access dell’agosto 2008: per i progetti finanziati nell’ambito 
del 7°PQ è previsto il deposito di documenti “peer-reviewed” in archivi 
on line e la successiva disponibilitÓ ad accesso aperto entro 6 o 12 
mesi dalla pubblicazione a seconda dell’area tematica.
OpenAIRE completa altre infrastrutture di ricerca finanziate dall’UE 
come G╔ANT (IP/10/1448 http://www.geant.net/pages/home.aspx), che offre 
ai ricercatori europei una rete di ricerca ad alta velocitÓ e PRACE 
(IP/10/706 http://www.prace-project.eu/) che sviluppa elevate capacitÓ 
di calcolo per applicazioni estremamente esigenti.

Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito 
http://www.openaire.eu/. Il comunicato sull'evento Ŕ in linea alla URL 
http://tinyurl.com/37nxykt.
Ricordo inoltre che CASPUR Ŕ responsabile in Italia per la 
disseminazione di informazioni su OpenAIRE: per qualsiasi domanda o 
dubbio potete contattarci scrivendo a openaire-it a caspur.it.

Cordialmente,
Ilaria Fava

-- 
Ilaria Fava
CASPUR - Automazione Biblioteche
Via dei Tizii, 6 - 00185 Roma (Italy)
Tel. 06.44486.610
OpenAIRE National Open Access Desk




Maggiori informazioni sulla lista OA-Italia