[Oa-italia] Harvard adotta una policy OA + JEP

Maria Cassella maria.cassella a unito.it
Mer 13 Feb 2008 09:55:49 CET


Cari colleghi,
la notizia del giorno Ŕ che l''universitÓ di Harvard ha votato ieri 
cioe' il 12 febbario una policy istituzionale a favore dell'OA. I 
ricercatori dovrenno consegnare un file .pdf delle loro pubblicazioni 
che sarÓ inserito nell'IR di Harvard e reso accessibile dopo il periodo 
di embargo previsto, se previsto, dagli editori.
Questo Ŕ quello che leggo velocemnte nel blog di Peter Suber alla data 
del 12 febbraio.

> http://www.earlham.edu/~peters/fos/fosblog.html

La notizia sta circolando su varie liste di discussione.
E' riportata anche nel Chronicle of Higher Education, che a sua volta 
pero' rimanda al Blog di Suber...
http://chronicle.com/news/article/3943/harvard-faculty-adopts-open-access-requirement 

Secondo Suber, e se lo dice lui possiamo fidarci, si tratterebbe della 
1. universitÓ negli Stati Uniti ad adottare una policy OA.

Approfitto anche per segnalarvi che sul numero 1 /2008 del JEP sono 
stati pubblicati due articoli interessanti per l'OA
http://www.journalofelectronicpublishing.org/ .

Mi riferisco a quello di Karla Hahn sui mutamenti nel campo della 
comunicazione scientifica (lo sto leggendo ora ) e il nuovo ruolo che 
devono assumere le biblioteche (non parla di OA ma di comunicazione 
scientifica che Ŕ un argomento strettamente correlato) e quello di 
Kathlin Smith sui depositi istituzionali e gli e-journals archives che 
in realtÓ fa un'analisi di due studi CLIR: MIRACLE e un precedente 
studio sul alcuni progetti (12 per l'esattezza) di digital preservation. 
Un po' datato, quest'ultimo, ma interessante per chi non lo conoscesse 
giÓ . Lo trovate al link:

> http://www.journalofelectronicpublishing.org/


saluti
MC



-- 





Maggiori informazioni sulla lista OA-Italia